Skip to content

Liceo delle Scienze Umane

lediscipline
ilmetodo
iprogetti

Il Liceo delle Scienze Umane dell’Istituto Preziosissimo Sangue di Milano si caratterizza per una spiccata sensibilità formativa, grazie all’ utilizzo di un metodo attento alle diversità individuali nei ritmi e nei tempi di apprendimentoche permette agli allievi di maturare al termine del percorso scolastico un personale progetto di vita.

L’approccio alle discipline è di tipo operativo, grazie all’attivazione dei laboratori curricolari (Cittadinanza attiva, Chernobyl, CLIL, ECDL, Ippoterapia, Cittadinanza attiva, Educazione alla teatralità, Multimedialità, Salute, Sport) che consentono agli allievi d’imparare facendo (learning by doing).

Di fronte a un sapere scolastico settoriale e trasmissivo, il Liceo delle Scienze Umane mira a promuovere e facilitare il passaggio ad una innovativa didattica partecipativa e motivante in grado di valorizzare le capacità e le competenze degli allievi. La presentazione dell'offerta formativa dell'anno scolastico 2016/2017 del Liceo delle Scienze Umane si svolgerà secondo le seguenti modalità:

OPEN DAY 3 ottobre 2015 ore 11:00
INDIRIZZATO AGLI STUDENTI DI III^ MEDIA

Il Liceo offre agli studenti di III^ Media e ai loro genitori la possibilità di partecipare all'Open Day che si svolgerà il 3 ottobre 2015 alle ore 11:00. Il Preside Prof. Angelo Francesco Sabbadini presenterà l'Offerta Formativa del 2016/2017 del Liceo delle Scienze Umane. Durante la mattinata verranno illustrate le modalità di svolgimento dell'orientamento in entrata per l'anno scolastico 2016/2017. A tale riguardo a partire dal 5 ottobre 2015 verrà attivata l'iniziativa delle "Lezioni Aperte" che permetterà agli studenti della Scuola Media di partecipare come uditori alle lezioni del Liceo delle Scienze Umane.

La missione orientativa del Liceo delle Scienze Umane Preziosissimo Sangue è fondata sulla comunità di lavoro di docenti e studenti: insieme, nel fare e nel pensare, educatori e allievi costruiscono un percorso che non è solo acquisizione di future professionalità ma, più profondamente, formazione della persona.

  EXPO: NUTRIRE IL PIANETA, INCONTRARE IL MONDO

IL LICEO DELLE SCIENZE UMANE PARTECIPA ALL'EXPO 2015

Gli studenti di IV superiore del Liceo delle Scienze Umane Preziosissimo Sangue di Milano partecipano all'Expo di Milano. Il gruppo classe ha svolto una specifica preparazione, coordinata dal PIME, che è durata quattro anni e ha visto alternarsi nell'Istituto di Via Riccardi un nutrito numero di esperti che ha fornito agli studenti un corredo informativo e esperienziale per affrontare con competenza l'esperienza dell'Expo. Questa settimana gli studenti hanno cominciato la loro esperienza che li vede impegnati nell'assistenza alle delegazioni che da tutto il mondo stanno cominciando a giungere a Milano. Un'occasione irripetiile per mettere alla prova le capacità di accoglienza, condivisione e solidarietà che sono alla base dell'Offerta Formativa del Liceo.

PROGETTO CITTADINANZA ATTIVA 2015

IL LICEO DELLE SCIENZE UMANE INCONTRA UMBERTO AMBROSOLI

Umberto Ambrosoli, classe 1971, è avvocato e penalista a Milano. E' il più giovane dei tre figli di Giorgio Ambrosoli ucciso a Milano da un killer nella notte tra l'11 e il 12 luglio del 1979.  Da anni è impegnato a valorizzare e attualizzare la figura del padre, partecipando a incontri nelle scuole di tutta Italia, a convegni e a iniziative pubbliche.
 
Il Liceo delle Scienze Umane Preziosissimo Sangue lo ha invitato per testimoniare agli studenti della Scuola Secondaria Superiore con la memoria di una vicenda personale l'impegno per l'affermazione dei valori dell'onestà, dell'assunzione di responsabilità, dell'adempimento del dovere e della necessità di non tradire mai la propria coscienza. Sono gli obiettivi del Progetto Cittadinanza Attiva del Liceo che grazie al contributo di Umberto Ambrosoli avrà l'opportunità di svolgere una grande lezione civile.
 

TOUR SICILIA 100% ANTIMAFIA

IL LICEO DELLE SCIENZE UMANE IN VISITA ALLA SEDE DI ADDIOPIZZO

Cinquanta allievi del Liceo Preziosissimo Sangue hanno aderito al percorso di Cittadinanza attiva che si svolge a Portella della Ginestra, Palermo, Capaci, Partinico e Cinisi. Il viaggio di formazione alla scoperta dei luoghi-simbolo dell'antimafia civile e della ribellione antiracket nell'area del palermitano offre l'occasione di approfondire i temi dell'impegno e della responsabilità collettiva, dell'educazione alla legalità e del riutilizzo sociale dei beni confiscati. La storia della mafia e del movimento antimafia prende forma secondo l'approccio della didattica attiva dal diretto racconto dei protagonisti. Il tutto per rivivere le tappe di una lotta civile che tuttora si sta combattendo e che chiama a raccolta gli studenti coinvolti nel Progetto di Cittadinanza Attiva 2015. 

RAI-EDUCATIONAL

 

 
LICEO SCIENZE UMANE: PRIMO PREMIO NAZIONALE ITALO

Il Liceo delle Scienze Umane "Preziosissimo Sangue" di Milano ha vinto il premio nazionale Italo "Racconta il viaggio" dedicato alla progettazione di un progetto Multimediale. La premiazione avvenuta alla presenza dei docenti afferenti proff. Elda Lo Cascio, Luca Maione e Paolo Manenti ha permesso ai presenti di apprezzare il complesso lavoro svolto dagli studenti nella preparazione ed elaborazione di uno spot in stop motion che ha mostrato l'efficacia del "Progetto Multimedialità" introdotto da quattro anni nell'Istituto e coordinato dal prof. Luca Maione, artista multimediale.

 
Metodo Didattico - Formativo

Il Liceo delle Scienze Umane dell’Istituto Preziosissimo Sangue di Milano si caratterizza per una spiccata sensibilità formativa, grazie all’utilizzo di un approccio attento alle diversità individuali nei ritmi e nei tempi di apprendimento (mastery learming) che viene declinato dal Progetto Orientamento e permette agli allievi di maturare al termine del percorso scolastico un personale progetto di vita.

L’approccio alle conoscenze è di tipo operativo, grazie all’attivazione dei laboratori curricolari che consentono agli allievi d’imparare facendo (learning by doing). Di fronte a un sapere scolastico “tradizionale” settoriale e trasmissivo, il Liceo delle Scienze Umane mira a promuovere e facilitare il passaggio ad una didattica partecipativa e motivante in grado di valorizzare le capacità e le competenze degli allievi. La didattica delle competenze si fonda sul presupposto che gli studenti apprendano meglio quando costruiscono il loro sapere in modo attivo attraverso situazioni di apprendimento fondate sull’esperienza. Aiutando gli studenti a scoprire e perseguire interessi, si può elevare al massimo il loro grado di coinvolgimento, la loro produttività, i loro talenti.

L’insegnante dunque non si limita a trasferire le conoscenze, ma è una guida in grado di porre domande, sviluppare strategie per risolvere problemi, giungere a comprensioni più profonde. I “prodotti” dell’attività degli studenti costituiscono le evidenze di una valutazione attendibile, ovvero basata su prove reali ed adeguate.

Il Liceo delle Scienze Umane Preziosissimo Sangue, nella sua azione formativa, è ormai da anni fortemente impegnato nel rispondere ai differenti bisogni degli studenti e a strutturare proposte didattiche, che tengano conto delle loro peculiari modalità di funzionamento. La prassi dell’insegnante del Liceo delle Scienze Umane non può più essere l'uniformità, ma la diversificazione; l’insegnante non può dare la priorità ai contenuti da trasmettere, ma ai processi di apprendimento per rendere ognuno idoneo ad apprendere autonomamente; non può seguire come criterio di valutazione la selezione dei migliori, ma l’inclusione positiva di tutti.

L’inclusione descrive il processo per cui la scuola cerca di rispondere agli alunni come persone, riconsiderando, sulla base dei loro bisogni e delle loro specificità, metodologie didattiche, organizzazione e offerta curricolare. Elemento chiave e caratterizzante, che ispira e muove la quotidianità del nostro agire, è, dunque, il porre al centro la PERSONA nella sua globalità e complessità. In questo senso scelta fondante è la personalizzazione e l’individualizzazione degli itinerari didattico-educativi.

Della legge 53 del 2003 e delle più recenti indicazioni ministeriali in materia di alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES), che hanno segnato il pieno riconoscimento del diritto di tutti i ragazzi alla personalizzazione dell’apprendimento e tracciato la via da seguire per l’inclusione, la scuola ne assume integralmente la concezione alta e dell’istruzione e della persona umana, che trova nell’educazione il momento primario del proprio sviluppo e della propria maturazione. I principi si traducono così in prassi didattico-educative personalizzanti, attraverso la definizione e realizzazione di percorsi che tengono conto, nelle varie fasi di sviluppo e formazione, della singolarità, della articolata identità, delle aspirazioni, delle capacità e dei punti di forza e debolezza di ciascun ragazzo.

In particolare, come recita la Legge 170/2010, “la didattica personalizzata si sostanzia attraverso l’impiego di una varietà di metodologie e strategie didattiche tali da promuovere le potenzialità e il successo formativo in ogni alunno”. Gli allievi sono così coinvolti in itinerari di lavoro significativi e dotati di senso, dove si integrano teoria e pratica, momenti di cooperazione e spazi di creatività. Infatti, riconoscere e valorizzare le diversità, non solo degli stili cognitivi e dei profili di intelligenza, ma anche delle diverse traiettorie esistenziali, spinge a diversificare le metodologie didattiche, gli stimoli offerti, l’approccio relazionale e soprattutto a modulare l’offerta formativa, sì da permettere ai singoli allievi di esprimere le proprie potenzialità e di costruirsi percorsi personalizzati scelti sulla base di interessi, attitudini, talenti e “vocazioni”.

La personalizzazione, come possibilità di sviluppo delle potenzialità individuali, è tema, che riguarda tutti gli alunni: essa consente da una parte di promuovere la cultura del merito, valorizzando le eccellenze e dall’altra di rivolgersi a tutti quegli alunni che presentano delle difficoltà. Il Liceo delle Scienze Umane a quest’ultimo proposito si prende cura e risponde ai bisogni peculiari degli allievi più fragili, la cui specificità richiede attenzioni particolari. Infatti, “ogni alunno con continuità o per determinati periodi, può manifestare Bisogni Educativi Speciali: o per motivi fisici, biologici, fisiologici o anche per motivi psicologici, sociali, rispetto ai quali è necessario che le scuole offrano adeguata e personalizzata risposta” (MIUR Direttiva 27/12/12).

La realizzazione di forme di differenziazione e di compensazione permette di raggiungere situazioni di uguaglianza sostanziale tra gli allievi e non solo di pari opportunità. Le forme di personalizzazione offerte dalla scuola prevedono in questi ultimi casi la costruzione di un Piano Didattico Personalizzato (PDP) o di un Piano Educativo Individualizzato (PEI).

 

 
PROGETTI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Progetto Cittadinanza attiva

Il Progetto Cittadinanza Attiva mira a consolidare nelle giovani generazioni una cultura civico-sociale e della cittadinanza che intreccia lo sguardo locale con più ampi orizzonti (nazionale, europeo, internazionale).L’educazione alla cittadinanza e al volontariato vuole far emergere la centralità della persona e i suoi valori all’interno di un vivere civile consapevole e maturo.

Il presente percorso contribuisce, in generale, a fornire allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà; nello specifico del LSU, il progetto “Cittadinanza attiva” si evidenzia come strumento coadiuvante alla conoscenza dei fenomeni collegati alla costruzione dell’identità personale e delle relazioni umane e sociali.

Le competenze generali che il presente progetto vuole raggiungere sono:

-   competenze di natura metacognitiva: imparare ad imparare, saper progettare e comunicare le informazioni

-   competenze di natura relazionale: sapere lavorare in gruppo; saper collaborare e partecipare

-   competenze di natura attitudinale: agire in modo autonomo e responsabile, sviluppare la creatività, saper risolvere i problemi, saper individuare collegamenti e relazioni, saper acquisire ed interpretare l’informazione

L’approccio alla disciplina è concreta ed esemplificativa, grazie anche ai numerosi e virtuosi legami che l’Istituto ha instaurato dal 2000 ad oggi con il territorio.

Il presente progetto vuole mettere in campo metodi che facciano pervenire lo studente ad una conoscenza che entri nel proprio orizzonte di senso: ogni studente è chiamato a vedere, accorgersi, provare, verificare. Il presente progetto apre le porte ad eventuali possibilità di svolgere esperienze di volontariato internazionale, grazie alle risorse interne e ai contatti che l’Istituto ha con il CiEsseVi. (responsabile prof. Vetere Massimo)


Progetto BES – Bisogni educativi speciali

Il piano d’inclusione del Liceo delle Scienze Umane è attivo da dodici anni. Le criticità emerse negli anni hanno permesso al Collegio Docenti di considerare e ripensare un nuovo sistema, alla luce dalla nuova Direttiva. A tale riguardo il Liceo delle Scienze Umane s’impegna a individuare i Bisogni Educativi Speciali dell’alunno ovvero: disabilità, disturbi evolutivi specifici e svantaggio socio-economico, linguistico e culturale. In ogni classe infatti ci sono alunni che presentano una richiesta speciale di attenzione per una varietà di ragioni, per cui è necessario individuare un percorso didattico personalizzato. (Responsabile prof. Katia Di Lecce)

 
Progetto Intercultura

Tra tutte le educazioni trasversali un valore particolare assume l’educazione interculturale che già nel 2001 veniva indicata dal Ministero dell’Istruzione come elemento integratore del POF. All’interno di questo sfondo il progetto rappresenta un percorso di riflessione e di lavoro rivolto agli studenti che hanno a cuore l'educazione interculturale e che sono al contempo attratti dal linguaggio cinematografico. La cinematografia nel suo complesso e il cinema antropologico, o il film etnografico, in modo particolare, permettono una conoscenza non per astrazione ma per immersione/identificazione, privilegiando una logica mostrativa, il ragionamento analogico, la contaminazione emotivo-sensoriale. In questo senso il film favorendo la coscienza di quel sentimento di radicamento/sradicamento che rappresenta uno dei cardini dell'educazione interculturale, diventa un importante mezzo di conoscenza e partecipazione emotiva alla sorti degli altri e promuove l'emancipazione dai pregiudizi. Il laboratorio rivolto agli studenti di II^ Liceo si avvarrà della collaborazione del Centro Studi Cinematografici di Milano e della Fondazione ISMU di Milano. Il percorso verrà attivato nella classe II^ Liceo. (Responsabile prof. Angelo Sabbadini)


Progetto Chernobyl

Il progetto curricolare, rivolto alla classe III^ del Liceo, vuole affinare il Progetto Intercultura offrendo una possibilità concreta di impegno interculturale e di attenzione alla persona mediante l’attività di  animazione di un gruppo di bambini di età compresa fra i sette e i dieci anni provenienti dall’Istituto di Zabinka in Bielorussia. L’intervento laboratoriale è effettuato in collaborazione con la Fondazione “Aiutiamoli a Vivere”. (Responsabile prof. Massimo Vetere)

 
Progetto Iconologia

Il Progetto si propone l’intento di ricercare il Vero attraverso il bello. La pittura, la grande pittura ha il potere di aprire un varco e di offrire una luce nuova nella comprensione del mondo interiore. La parola spiega, chiarisce, illumina, l’immagine invece apre sul non detto e sull’indicibile verità delle cose nonché sull’inesauribile ricchezza della vita. Il percorso verrà indirizzato agli studenti e ai genitori e scandirà i momenti più significativi dell’anno liturgico. (Responsabile Don Alessio Bianchi)
 

Progetto Genitori

Il Progetto genitori prevede per questo anno scolastico un percorso di formazione/riflessione per i genitori dell’Istituto in collaborazione con la parrocchia di San Giuseppe. La finalità è quella di offrire strumenti per poter leggere e gestire le diverse dinamiche suscitate dalla crescita dei figli. (Responsabile prof. Monica Panziera)
 

Progetto Informatica

Il progetto d’informatica, introdotto in orario curricolare nel primo anno del Liceo, si propone lo scopo di rendere gli studenti capaci di utilizzare criticamente gli strumenti informatici e telematici nelle attività di studio e di approfondimento. In dettaglio l’intento è quello di fornire agli studenti un lessico specialistico e le competenze di base per l’uso quotidiano di uno strumento di videoscrittura e di calcolo. L’iniziativa prosegue dal secondo anno del Liceo in orario extracurricolare con un corso mirato al raggiungimento della certificazione ECDL, attestazione fondamentale per inserirsi con profitto nel mondo dell’università e del lavoro.  Il progetto ha una ricaduta multidisciplinare ed è condotto da un ingegnere informatico della Fondazione San Raffaele di Milano. (Responsabile ing. Marco Mosconi)


Progetto Scuola - Università

Il progetto Scuola–Università nasce dalla volontà del Liceo d’innovare l’insegnamento e la didattica attuando, come esplicitamente previsto dalla Riforma, un’alleanza educativa e formativa con le Università della provincia di Milano in modo da valorizzare il pensiero e l’azione degli alunni. A tal fine verranno attuati moduli su tematiche concordate in base alle caratteristiche delle singole classi, che vedranno l’interazione degli alunni con docenti e ricercatori provenienti da diverse università milanesi: Università Vita e Salute San Raffaele di Milano, Università Milano Bicocca, IULM, Università Cattolica. (Responsabile prof.ssa Monica Panziera)

 
Progetto DSA

Il progetto intende verificare in stretto rapporto con la comunità educante l’applicazione del protocollo di scuola per il diritto allo studio degli studenti con DSA. Non solo, ma il progetto si propone lo scopo di favorire l’applicazione della legge 170/2010 con una serie d’iniziative che valorizzino lo studente nella sua singolarità e complessità. (Responsabile prof. Katia Di Lecce)
 
Progetto Orientamento

Il Progetto curricolare si esplica in una serie di attività che mirano a formare e a potenziare le capacità degli studenti affinché possano individuare un personale progetto di vita grazie all’individuazione degli strumenti più adeguati per affrontare il passaggio dai banchi di scuola all’ambito universitario. L’iniziativa mira ad accompagnare in modo personalizzato ogni allievo durante il suo percorso didattico, valorizzandone le capacità e le attitudini.Il progettoprevede nell’ultimo anno l’adesione al percorso formativo “Il laboratorio delle scelte” e, in sinergia con il  Centro di Ricerche sull’Orientamento Scolastico-Professionale e sullo Sviluppo delle Organizzazioni dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, la somministrazione di una corposa serie di test conoscitivi. L’orientamento è completato dalla partecipazione a un calendario di manifestazioni informative rivolte agli studenti dell’ultimo anno promosse dalla rete in cui è fattivamente inserito il Liceo. (Responsabile prof. Angelo Sabbadini)


Progetto Sport

Il progetto risulta in coerenza con i programmi curriculari di Scienze motorie e sportive e ne completa la proposta sportiva e  prevede il massimo coinvolgimento degli studenti con un carattere di continuità per l’intero anno scolastico. Il tutto al fine di suscitare e consolidare negli alunni la consuetudine all’attività sportiva come fattore di crescita psico-fisica, civile e sociale. Il progetto prevede, tra le altre, la realizzazione di una serie di iniziative sportive che vedranno impegnati gli studenti in tornei di calcetto, pallavolo e basket con l’obiettivo di conoscersi, collaborare e confrontarsi in competizioni sportive. Inoltre il progetto prevede la partecipazione della scuola all’originale iniziativa denominata “Torneo di Book Volley ” che punta a legare strettamente lo sport e la cultura della lettura. Durante il  quinquennio a ciascuna classe verrà  proposta un’uscita sportiva durante la quale gli allievi praticheranno una disciplina che valorizzi il diretto contatto con la natura (arrampicata, canoa, orienteering, rafting, trekking, vela). Non mancherà la consueta uscita didattico- sportiva al Datch-forum  per la pratica di sports quali pattinaggio sul ghiaccio, tiro con l’arco, kick-boxing, hip-hop, balli latino-americani in modo da praticare e sperimentare discipline sportive che non si possono praticare nel contesto scolastico. (Responsabile prof. Lorena Di Vito)

Progetto Rete

Il Liceo Paritario delle Scienze Umane, recependo le indicazioni dell’autonomia, è una realtà aperta e integrata con il territorio, scuola delle reti, dei rapporti di partnernariato, del monitoraggio dei bisogni e dei progetti interistituzionali. Esso ha avviato da tempo una serie di alleanze educative che gli hanno permesso di attivare, insieme a diverse realtà del territorio lombardo ed europeo, dei processi culturali capaci di reggere le sfide contemporanee e operare in una logica di “progettazione integrata”. (Responsabile prof. Angelo Sabbadini)


Progetto Salute

Alla luce di quanto avvenuto nello scorso anno scolastico il Collegio docenti ha deliberato di continuare il percorso sugli stili di vita dei giovani e sulla loro ricaduta sulla salute e sul benessere psicofisico degli studenti. L’iniziativa promossa dal Lions Club di Sesto San Giovanni ha trovato nel Liceo e c/o gli studenti un ampio consenso che ha spinto il Collegio docenti a proseguire la collaborazione con il dott. Antonio Canino dell’Ospedale di Niguarda coadiuvato dalla docente di Scienze della Scuola Superiore. (Responsabile prof. Anna Bianchi)


Progetto Multimedialità

L'uso delle tecnologie multimediali favorisce lo sviluppo di una Scuola che non si limita alla trasmissione dei saperi, ma diventa un luogo dove operare, un luogo di esperienze concrete dove si produce conoscenza e si sviluppa la logica della scoperta. Il progetto, nato all’interno del Liceo delle Scienze Umane, si sviluppa in una logica di rete c/o diverse scuole del sistema scolastico milanese. (Responsabile prof. Angelo Sabbadini)


Progetto extracurricolare di Teatro

La finalità del Corso è pedagogica e sociale: avvicinare gli studenti all’espressione corporea e dei sentimenti, alla relazione con se stessi e con l’altro, per consentire loro di apprendere nuovi strumenti relazionali importanti per la crescita personale e per un’applicazione professionale nel modo del lavoro (in ospedali, comunità sociali, asili…). In questo senso il corso rientra perfettamente tra gli obiettivi formativi della Scuola Secondaria di II° grado, avvicinandosi in particolare alla disciplina delle Scienze Umane. Durante il Corso si lavorerà sulla postura del corpo, voce, gesti, movimento, ritmo, energia e personaggi e sugli aspetti creativi di una vera performance. Il corso si svolgerà in orario extracurricolare e si avvarrà della collaborazione del Teatro Officina e della Civica Scuola di Musica di Pioltello. Alla conclusione del corso di teatro è prevista la produzione di due  spettacoli teatrali.(Responsabile prof. Alberto Cavalleri)


Progetto Gite d’Istruzione

Il progetto si propone lo scopo d’individuare le possibilità formative offerte dalle gite d’istruzione alla luce dell’ispirazione prosociale del Liceo delle Scienze Umane. Nel dettaglio il Collegio docenti ha inserito questo tradizionale momento della vita scolastica all’interno della cosiddetta “cittadinanza attiva” in modo da offrire agli studenti una possibilità di crescita civico-sociale e non semplicemente un momento di semplice socializzazione e ricreazione. Il progetto ha anche il compito di declinare e individuare le uscite didattiche per l’anno scolastico 2014/2015. (Responsabile prof. Angelo Sabbadini)


Progetto Fondo di Solidarietà

L’Ufficio Scuola della Congregazione ha costituito un Fondo di Solidarietà per la promozione del diritto allo studio degli alunni bisognosi. È possibile aderire all’iniziativa, inviando il proprio contributo sul c/c postale intestato a: CONGREGAZIONE DELLE SUORE DEL PREZIOSISSIMO SANGUE, indicando come causale FONDO DI SOLIDARIETÀ. Coordinate codice IBAN: IT36R 07601 01 600-000017789207. (Responsabile prof. Angelo Sabbadini)


Progetto Visiting Professors

Il progetto, ispirandosi a quanto avviene nell’Università, prevede il conferimento a una serie di studiosi di elevata qualificazione appartenenti a istituzioni universitarie, di ricerca o del mondo del lavoro di attività formative - quali corsi, moduli, lezioni - nell’ambito dell’attività curricolare scolastica in modo da arricchire l’offerta formativa dell’apporto originale di figure significative provenienti dal territorio. (responsabile prof. Angelo Sabbadini)


Progetto Preliminary English Test

Il Cambridge Preliminary English Test (PET) rappresenta il secondo livello degli esami Cambridge in English for Speakers of Other Languages. Si tratta di una certificazione internazionale di livello B1, il terzo dei 6 livelli di competenza del Quadro Comune Europeo di Riferimento per la Conoscenza delle Lingue, e valuta la capacità di comunicazione quotidiana in lingua inglese a livello scritto e parlato. Il conseguimento del PET consente agli studenti di avere una certificazione internazionalmente riconosciuta che attesta il proprio livello di competenza nell’uso della lingua inglese. Oltre a essere spendibile nel mondo del lavoro, numerose università riconoscono la certificazione come equipollente all’esame di Conoscenza di una Lingua dell’Unione Europea.

Il Progetto PET prevede un corso extracurricolare di lingua inglese che ha un duplice obiettivo. Da un lato si proporranno in piccoli gruppi attività di consolidamento della capacità degli studenti di comunicare in lingua inglese. Dall’altro, si lavorerà su materiali mirati alla preparazione all’esame, che potrà essere sostenuto presso le sedi del British Council di Milano. (Responsabile Prof. Marco Canani)


Progetto Scenografia

Il progetto, realizzato in stretta collaborazione con il Progetto Teatro, vuole fornire agli studenti gli strumenti necessari all’ideazione e alla realizzazione scenografica dello spettacolo della compagnia teatrale del Liceo delle Scienze Umane. Gli allievi svolgeranno un percorso di acquisizione di mezzi e metodi per l’elaborazione del progetto: dal confronto iniziale con le esigenze espressive del regista, dal bozzetto al modellino, dalla restituzione prospettica alla proiezione ortogonale, passando attraverso la descrizione dello spazio teatrale e degli elementi e materiali scenici. Il corso si svolgerà in orario extracurricolare. (Responsabile prof. Luca Maione)


Progetto “Un pomeriggio al museo”

Il progetto mira a sensibilizzare e a far conoscere agli studenti la situazione artistica contemporanea della città di Milano e le sue sedi museali più importanti. Questo percorso prevede delle uscite pomeridiane in orario extracurricolare sul territorio milanese. Si visiteranno un pomeriggio alla settimana gallerie d’arte contemporanea, musei d’arte antica e moderna, chiese e palazzi. (Responsabile prof. Luca Maione)